Orientamenti Europei
Orientamenti Nazionali
Orientamenti Regionali
Aspetti metodologici-didattici
Aspetti socio-politici

Gli Enti di Formazione Professionale di ispirazione cristiana propongono

ACLI (Associazioni Cristiane Lavoratori), CDO (Compagnia delle Opere), FAMIGLIA SALESIANA (Salesiani don Bosco e Figlie di Maria Ausiliatrice) propongo all’attenzione di ogni decisore che ha competenza diretta o indiretta sulla Istruzione e Formazione Professionale (IeFP) il documento allegato con la proposta di sottoscriverlo, se ritenuto condivisibile.

Perché nessuno si perda. Istruzione e Formazione Professionale (IeFP) risorsa strategica per combattere gli abbandoni scolastici e aiutare i giovani ad entrare nel mondo del lavoro. Programma in dieci punti – Ottobre 2013;  

Il manifesto può essere firmato anche on-line sul sito del CNOS-FAP

PROPOSTA DI EMENDAMENTI

Gli Enti di FP propongono al Governo e al Parlamento, impegnati ad approvare definitivamente la legge di stabilità 2014, i seguenti emendamenti:

  • Primo emendamento

“1. La quota di risorse prevista all’articolo 28, comma 3, del decreto legislativo n.226/2005 a valere sull’autorizzazione di spesa di cui all’articolo 7, comma 6, della legge 28 marzo 2003, n.53, destinata all’assolvimento del diritto dovere all’istruzione e formazione nei percorsi di Istruzione e Formazione Professionale, anche ai fini dell’adempimento dell’obbligo di istruzione, è determinata in 40 milioni di euro a decorrere dall’anno 2014. Il Ministro dell’economia e delle finanze è autorizzato ad apportare, con proprio decreto, le occorrenti variazioni di bilancio.

  • Secondo emendamento

I pagamenti relativi all’attuazione dei percorsi di cui al comma 1, sostenuti da contributi erogati a tal fine dallo Stato alle Regioni, sono esclusi, nei limiti dei relativi importi, dai limiti del patto di stabilità interno delle Regioni”.

Alle proposte di emendamento sono allegate le motivazioni.

 

Orientamenti europei

1. EURYPEDIA: European Encyclopedia on National Education System

Un sito in continuo aggiornamento sui sistemi di Istruzione in Europa consultabile in Eurydice: 38 Sistemi di istruzione, più di 5.000 articoli, le ultime riforme, informazioni per argomento e livello di istruzione.
La scheda allegata alla presente newsletter ne descrive le principali caratteristiche.
Per maggiori informazioni si può visitare il sito.

2. COMPETENZE PER VIVERE E LAVORARE OGGI

L’indagine PIAAC – ISFOL: una indagine che ha sollevato un grosso dibattito in Italia.

L’8 ottobre 2013 sono stati diffusi i risultati dell’indagine internazionale PIAAC (Programme for the International Assessment of Adult Competencies) sulle competenze degli adulti.
Svolta nel periodo 2011-2012 e promossa da Ocse, l’indagine analizza il livello di competenze fondamentali della popolazione tra i 16 e i 65 anni in 24 paesi.

In Italia l’indagine è stata condotta, su incarico del Ministero del Lavoro, dall’ISFOL.
Contestualmente a Ocse e agli altri 23 paesi, l’ISFOL mette oggi a disposizione i dati nazionali e le relative elaborazioni.
Nella presente newsletter si allegano il comunicato stampa, il testo intitolato “Le competenze per vivere e lavorare oggi. Principali evidenze dall’Indagine PIAAC”, una sintesi della ricerca.

3. V Rapporto dell’Osservatorio sull’internazionalizzazione delle scuole

Il 3 ottobre 2013, a Torino, è stato presentato il V Rapporto sull’internazionalizzazione delle scuole e la mobilità studentesca.

L’Osservatorio, creato nel 2009 dalla Fondazione Intercultura Onlus per il dialogo tra le culture e gli scambi giovanili internazionali, è giunto al V Rapporto.

La situazione scolastica italiana, paragonata a quella della Germania, della Spagna, della Polonia, della Francia e della Svezia, appare piuttosto immobile: “Il sistema scolastico italiano, con solo il 53% di scuole che aderisce a progetti internazionali, si trova distanziato di molte leghe dai sistemi scolastici degli altri Paesi europei”.

Nella presente newsletter si allega il testo del V Rapporto.

4. L'educazione alla cittadinanza in Europa

Pubblicato in lingua italiana nell’ottobre del 2012, questo testo documenta quanto si fa in Europa sull’obiettivo di giustizia e coesione sociale attraverso l’apporto del sistema istruzione.

Nella presente newsletter si propongono due allegati: il testo della pubblicazione “L’educazione alla cittadinanza in Europa” (I quaderni di Euridice, n. 28); un opuscolo sui giovani cittadini d’Europa che illustra le attività intraprese da loro nella UE: “Young citizens of Europe”.

5. SCUOLA EUROPA/EURYDICE: analisi degli stipendi dei dipendenti delle scuole

Questo Rapporto annuale contiene un'analisi comparativa accompagnata da dettagliate schede descrittive nazionali sugli stipendi di insegnanti e capi di istituto in Europa.
Il rapporto analizza, in particolare, gli organi decisionali per la definizione degli stipendi, gli stipendi del settore privato, gli stipendi lordi minimi e massimi stabiliti per legge in rapporto al PIL pro capite, la progressione salariale in funzione dell’anzianità di servizio, le diverse tipologie di indennità e gli organi responsabili dell’assegnazione.

Nella newsletter si allegano una scheda tratta dal sito Disal e il testo del Rapporto. 

sommario

Orientamenti nazionali

1. GOVERNO
1.1. Governo Letta: i primi 100 giorni - la nuova fiducia (2 ottobre 2013)

6 agosto 2013:Alle spalle i primi 100 giorni. Davanti a noi, da oggi, la responsabilità di andare avanti con ancora più determinazione a fare bene …”.
Per illustrare le azioni dei primi cento giorni il Governo ha curato una sintetica scheda.

2 ottobre 2013:
Signor Presidente, onorevoli senatori, nella vita delle Nazioni l’errore di non saper cogliere l’attimo può essere irreparabile. Sono le parole di Luigi Einaudi quelle che richiamo qui oggi: le richiamo qui in Parlamento, davanti al Paese, davanti a tutti voi, per venire subito al cuore della questione. L’Italia corre un rischio che potrebbe essere fatale, irrimediabile. Sventare questo rischio, cogliere o non cogliere l’attimo, dipende da noi, dipende dalle scelte che assumeremo in quest’Aula, dipende da un sì o da un no”. …
Si allega il testo pronunciato dal Presidente del Consiglio.

2. MIUR
2.1. Apertura dell'anno scolastico 2013 - 2014

Il 23 settembre 2013 si è svolta la Cerimonia di inaugurazione dell’anno scolastico promossa dalla Presidenza della Repubblica e dal Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca: circa 3.000 i ragazzi presenti nel Cortile d'Onore del Quirinale per ascoltare il saluto del Presidente Giorgio Napolitano e del Ministro Maria Chiara Carrozza.
Costituzione, Integrazione, Legalità, Lealtà nello sport, Ambiente, Lavoro i temi della giornata. In platea erano presenti ragazzi scelti fra le eccellenze della scuola e i giovani che partecipano al progetto Erasmus.

Nella newsletter si allegano il testo del Presidente della Repubblica e quello del Ministro dell’Istruzione, Università e Ricerca.

2.2. Misure urgenti in materia di Istruzione, Università e Ricerca

Il 9 settembre 2013 il Governo ha approvato il Decreto legge intitolato: “L’istruzione riparte”.

Il decreto punta a garantire, secondo il Governo, un avvio sereno del nuovo anno scolastico e accademico ma a gettare anche le basi per la scuola e l’università del futuro, restituendo ai settori della formazione centralità e risorse.

Nella newsletter si allegano:

2.3. Scuola: numeri sulla scuola e orientamenti dell'anno scolastico

Un Focus del MIUR relaziona su sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale (Anno scolastico 2013 – 2014).

Sull’avvio dell’anno scolastico 2013-2014 e sulle normative aggiornate al 2013 hanno scritto
-    la CISL ScuolaNavigare informati
-    la FLC CGILSchede di informazione per saperne di più, per difendere e garantire la qualità della scuola pubblica”,
-    DiesseAvvio del nuovo a.s. 2013-2014

2.4. Esami di qualifica in esito ai percorsi di IeFP attivati presso gli IPS
La nota del MIUR, del 17.10.2013, richiama gli adempimenti che gli Istituti Professionali di Stato devono osservare per gli esami di qualifica professionale nei percorsi formativi di IeFP.
3. MLPS
3.1. Misure urgenti per il rilancio dell'occupazione

Il 7 agosto la Camera ha approvato in via definitiva il disegno di legge di conversione del decreto-legge 76/2013 contenente le Misure urgenti per la promozione dell'occupazione, in particolare giovanile, e della coesione sociale (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n° 196 del 22 agosto 2013).

Il provvedimento, illustrato lo scorso 26 giugno dallo stesso Ministro Giovannini nel corso di una conferenza stampa a Palazzo Chigi, si sviluppa sui seguenti assi:

  • l’accelerazione della creazione di posti lavoro a tempo determinato e indeterminato, con particolare riferimento ai giovani e ai disoccupati;
  • l’anticipo della cosiddetta “Garanzia giovani”, la politica europea finalizzata a creare nuove opportunità di lavoro e di formazione per i giovani, riducendo inattività e disoccupazione;
  • il potenziamento delle politiche attive, l’aumento delle tutele per imprese e lavoratori;
  • una maggiore inclusione sociale e la riduzione della povertà assoluta.

Gli interventi contenuti nella legge rappresentano solo il primo passo della strategia del Governo. Un secondo gruppo di interventi verrà definito una volta che le istituzioni europee avranno approvato le regole per l’utilizzo dei fondi strutturali relativi al periodo 2014-2020 e di quelli per la “Garanzia giovani” e alla luce del Piano pluriennale per la lotta alla disoccupazione giovanile, che ogni Paese dovrà presentare entro il prossimo mese di ottobre alla Commissione Europea.

Nella presente newsletter si allegano: il Testo del Decreto Legge n° 76/2013 coordinato con la Legge n° 99/2013, l’Allegato 1 (Schede di sintesi), l’Allegato 2 (Tavola norme).

sommario

Orientamenti regionali

1. Regione Umbria

La Giunta Regionale, il 2 ottobre 2013, ha socializzato il Disegno di LeggeDisciplina del sistema regionale di Istruzione e Formazione Professionale”.

Il testo, pregevole su più aspetti, contiene – a giudizio degli esperti della materia – incoerenze con la normativa nazionale soprattutto nell’articolo 3 (non viene richiamata la funzione sussidiaria dell’Istituto Professionale di Stato rispetto all’organismo di formazione) e nell’articolo 5 (l’obbligo di iscrizione al solo Istituto Professionale di Stato).

2. Regione Campania

Dall’anno formativo 2014/2015 la Regione Campania apre ad una pluralità di soggetti per lo svolgimento dei percorsi di IeFP: di programmare, per il triennio che avrà inizio nell’anno scolastico 2014/2015, l’avvio di percorsi IeFP a titolarità delle agenzie formative accreditate che avranno stipulato con gli Istituti Professionali di stato e paritari, gli accordi di rete finalizzati alla costituzione dei Poli Tecnico Professionali, riconosciuti dalla Regione Campania.

3. Indagine in Lombardia sull'uso dei nuovi media

Nel mese di settembre 2013, il Dipartimento di Sociologia e Ricerca sociale dell’Università di Milano – Bicocca, con la collaborazione di OssCom, Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, curata dal prof. Marco Gui, ha realizzato una ricerca dal titolo: “Indagine sull’uso dei nuovi media tra gli studenti delle scuole secondarie superiori lombarde”.

4. Calendario scolastico 2013/2014

Pubblicate le date di tutte le Regioni: Liguria, Trentino (Trento), Piemonte, Toscana, Friuli, Veneto, Valle d’Aosta, Umbria, Basilicata, Sardegna, Lombardia, Emilia-Romagna, Molise, Lazio, Bolzano, Campania, Sicilia. Aggiornato con modifiche il calendario dell’Abruzzo ad inizio e fine anno scolastico. Inserite le feste ebraiche e greco-ortodosse.

5. Contributo delle Regioni all'indagine conoscitiva della Commissione Lavoro

La Conferenza delle Regioni, nella riunione del 26 settembre, ha approvato un documento che vuol essere un contributo all’indagine conoscitiva, programmata dalla Commissione lavoro della Camera sulle misure per fronteggiare l’emergenza occupazionale, con riferimento in particolare alla disoccupazione giovanile. Si riporta di seguito il documento.

6. "Guida" alla scelta degli indirizzi del secondo ciclo

Ogni anno si socializzano “Guide” elaborate dalle Regioni e/o Province per facilitare la scelta degli indirizzi scolastici o formativi propri del secondo ciclo.

Si riportano, a titolo esemplificativo, quelle della Regione PiemonteScegliere il percorso di studi al termine della scuola secondaria di primo grado (dopo la terza media)”, della Provincia di Reggio EmiliaGuida alla scelta della scuola secondaria di secondo grado”, del Comune di Ostellato (Ferrara) “Una scelta per il futuro. Guida pratica alla scelta della scuola secondaria di secondo grado per l’anno scolastico 2013/2014”, utili per leggere come gli Enti territoriali presentano l’offerta scolastica e formativa nel proprio territorio.

7. Giunta in Friuli Venezia Giulia: riassetto deleghe

13 settembre 2013: questa la composizione della Giunta del Friuli Venezia Giulia, con le nuove deleghe, a seguito del completamento del riordino dell’Amministrazione regionale.

  • Debora Serracchiani - Presidente della Regione Friuli Venezia Giulia;
  • Sergio Bolzonello - Vicepresidente e Assessore alle attività produttive, commercio, cooperazione, risorse agricole e forestali;
  • Paolo Panontin - Assessore alla funzione pubblica, autonomie locali, coordinamento delle riforme e delegato alla protezione civile;
  • Francesco Peroni - Assessore alle finanze, patrimonio, coordinamento e programmazione politiche economiche e comunitarie;
  • Loredana Panariti - Assessore al lavoro, formazione, istruzione, pari opportunità, politiche giovanili e ricerca;
  • Gianni Torrenti - Assessore alla cultura, sport e solidarietà;
  • Sara Vito - Assessore all’ambiente ed energia;
  • Mariagrazia Santoro - Assessore alle infrastrutture, mobilità, pianificazione territoriale, lavori pubblici, università;
  • Maria Sandra Telesca - Assessore alla salute, integrazione socio-sanitaria, politiche sociali e famiglia.

La presidente Serracchiani mantiene direttamente la competenza in materia di relazioni internazionali, interventi strategici riguardanti infrastrutture e mobilità e coordinamento delle politiche per la montagna.

sommario

Aspetti metodologici e didattici

1. TECNOSTRUTTURA: I QUADERNI on line

Con la presente newsletter si segnala una nuova iniziativa editoriale, quella di Tecnostruttura, che edita i suoi QUADERNI on line: www.tecnostruttura.it
Molteplici sono gli argomenti affrontati: servizi per il lavoro, apprendistato, qualificazione degli installatori di impianti, i tirocini, ecc.

Nella newsletter del 1 ottobre 2013 si segnala, in particolare, il tema “La programmazione Ue 2014/2020, lo stato dell'arte”.

2. Una guida alla nuova indennità di disoccupazione (CGIL)

La legge di riforma del mercato del lavoro approvata il 28 giugno 2012 (L. 92/2012) ha introdotto due nuove indennità mensili per il sostegno al reddito dei lavoratori subordinati che abbiano perso involontariamente la propria occupazione: l’ASpI (Assicurazione Sociale per l’Impiego) che sostituisce l’indennità di disoccupazione ordinaria e la Mini ASpI che sostituisce l’indennità di disoccupazione a requisiti ridotti.
La stessa legge ha modificato l’Una tantum per i collaboratori a progetto, una indennità rivolta ai collaboratori a progetto cui sia scaduto il contratto di lavoro.

3. La famiglia, speranza e futuro della società italiana

Si è tenuta a Torino la 47° Settimana Sociale dei Cattolici italiani nei giorni 14 – 17 settembre 2013.
Dell’evento si riportano il messaggio del Vescovo e Papa Francesco e la relazione del prof. Zamagni.

4. Rapporto della SVIMEZ. Anno 2013: il Sud sempre più povero

Un Mezzogiorno a rischio desertificazione industriale, dove i consumi non crescono da cinque anni, si continua a emigrare per il Centro-Nord, il tasso di disoccupazione reale supera il 28%, crescono le tasse e si tagliano le spese, ma una famiglia su 7 guadagna meno di mille euro al mese, e in un caso su quattro il rischio povertà resta anche con due stipendi in casa”.
Così il comunicato del Rapporto della SVIMEZ del 17 ottobre 2013.

Nella presente newsletter si allegano il testo e le slide del Direttore Padovani, il testo del Rapporto (Introduzione e Sintesi), la sintesi del Rapporto, il Comunicato stampa, la Rassegna Stampa.

5. Immigrati: ... quasi una "biblioteca"!

Nella newsletter si riportano vari Rapporti sul tema immigrati:

6. La condizione delle bambine e delle ragazze nel mondo 2013

Un panorama desolante, nonostante qualche piccolo progresso, emerge dall’ultima ricerca condotta dalla Associazione Terre des hommes sulla condizione delle bambine e delle ragazze nel mondo – anno 2013.

7. Una proposta di Tuttoscuola
Sei idee per rilanciare la scuola e contribuire alla crescita del Paese (02.09.2013)

Ogni inizio di anno scolastico si presta a tracciare una sorta di bilancio preventivo sullo stato di salute del sistema scolastico, sui suoi punti di forza e sui suoi - purtroppo prevalenti - punti di debolezza.

All’analisi di questi punti di debolezza, e all’individuazione dei possibili rimedi, Tuttoscuola dedica un dossier, intitolato “Sei idee per rilanciare la scuola e contribuire alla crescita del Paese”, con l’obiettivo di contribuire al confronto pubblico sulla politica scolastica, come auspicato dallo stesso Ministro Maria Chiara Carrozza.
È apparso agli addetti che la gamma delle proposte è stata piegata più alla “scuola” che al sistema educativo di Istruzione e Formazione, al quale appartiene anche il (sotto)sistema di IeFP.
 
Nella newsletter si riportano il testo del Dossier ed i commenti ricevuti da Tuttoscuola.

sommario

Aspetti socio politici

1. Il CCNL-FP  - livello nazionale 
  • Il CCNL-FP è stato firmato l’8 giugno 2012

L’8 giugno 2012, a Roma si è conclusa, con la firma sul nuovo testo contrattuale, la trattativa per il rinnovo del CCNL della Formazione Professionale tra le delegazioni di FLC Cgil, Cisl scuola, UIL Scuola, Snals Confsal assistite dalle rispettive confederazioni e le associazioni Forma e Cenfop.
Si allega il testo del CCNL-FP (2011-2013).

La trattativa prosegue a livello regionale.  

  • Verbale di Accordo in materia di contratto a t.d. – 11 settembre 2011

L’11 settembre 2012 i rappresentanti delle Associazioni degli Enti di Formazione Professionale Forma e Cenfop e i rappresentanti delle Organizzazioni sindacali FLC Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola, SNALS-Confsal sottoscrivono un Accordo per permettere il regolare inizio delle attività formative.
Si allega il Verbale di Accordo.

  • Sottoscrizione del CCNL-FP tra FORMA – CENFOP e UGL – 11 dicembre 2012

Il giorno 11 dicembre 2012, in via Appia Antica 78, Roma, si è svolto un incontro tra FORMA – CENFOP e UGL per la sottoscrizione del CCNL-FP 2011 – 2013 per adesione.

Il 14.11.2011 aveva firmato un Accordo per adesione al CCNL-FP 2007 – 2010.

  • Incontro sequenza contrattuale (lettera E comma 5) e accordi per la detassazione 11 luglio 2013

Le OO.SS., il 21 febbraio 2013, hanno scritto a FORMA e CENFOP.    

L’8 maggio 2013
le OO.SS scrivono agli Enti datoriali l’apertura del tavolo negoziale per la definizione della sequenza contrattuale di cui alla lettera E, comma 5 dell’art. 25 del vigente CCNL 2011 – 2013. L’incontro è fissato per l’11 luglio 2013.

L’11 luglio 2013 le parti si accordano sulla sequenza contrattuale ex. Art. 25, lettera E, punto 5.
Nel medesimo giorno, le parti si accordano sulla detassazione 2013.

Il 10 ottobre 2013 la FLC CGIL invia la nota di scioglimento della riserva.

2. CCNL-FP - contratti regionali
  • LOMBARDIA: sottoscritto il primo contratto regionale – 8 marzo 2013

L’8 marzo 2013 le parti datoriali e sindacali hanno sottoscritto il contratto regionale.

  • PIEMONTE: firmato il contratto regionale in Piemonte - 23.09.2013

Il 23 settembre 2013, presso la sede della Regione Piemonte (Torino, via Magenta), le Delegazioni di Forma e Cenfop e le Organizzazioni Sindacali Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola e Snals hanno firmato - alla presenza dell’Assessore al “Lavoro e Formazione Professionale”, Claudia Porchietto - il Contratto Collettivo Regionale della Formazione Professionale (CCRL).

La trattativa ha impegnato le parti per più di otto mesi in un contesto complicato dalla grave difficoltà che il sistema ancora patisce a causa del perdurare delle incertezze economiche. Si tratta, a detta delle Parti, di un contratto soddisfacente proprio in considerazione del contesto sociale nel quale si è sviluppato. Le Organizzazioni Sindacali hanno sottoposto all’approvazione dei lavoratori il testo contrattuale con assemblee territoriali che hanno dato un forte consenso per la firma definitiva del CCRL.

3. Attività della Commissione paritetica bilaterale nazionale

Nell’allegato si ricordano i nominativi dei componenti la Commissione Paritetica Bilaterale Nazionale 2011 – 2013.

Ai sensi dell’art. 4 del CCNL 2011 – 2013 per la Formazione Professionale, la Commissione Paritetica Bilaterale Nazionale ha approvato

4. Ente Bilaterale Nazionale Formazione Professionale
  • Profili Professionali dell’Apprendistato

Ha cominciato i suoi lavori la commissione bilaterale di EBiNFoP incaricata di redigere una proposta di profili professionali per l’applicazione dell’apprendistato come previsto dal contratto di lavoro del nostro settore firmato a giugno. La commissione si è data un ritmo di lavoro molto serrato per cui si pensa di poter consegnare un testo conclusivo alle parti firmatarie in tempi molto brevi (23 ottobre 2012).

Il 5 dicembre 2012 le parti hanno avviato la sperimentazione dei piani formativi per gli apprendisti.

  • Gaetano Ruvolo eletto presidente dell’Ente Bilaterale Nazionale

Sostituisce Gianfranco Zabaldano presidente uscente di EBiNFoP.

5. Questioni
  • 7 ottobre 2013: Ministero del Lavoro intervalli tra contratti a tempo determinato

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, con la nota n. 31/0005426 del 04/10/2013, risponde ad alcuni quesiti pervenuti in materia di intervalli temporali tra 2 contratti a termine. In particolare, il Ministero chiarisce che le discipline derivanti dalla CCNL volte a regolamentare il periodo di intervallo tra due contratti a tempo determinato (20 o 30 gg.), sono sostituite dalle nuove disposizioni normative contenute nel Decreto Lavoro n.76/2013 convertito in legge n.99/2013 che hanno ridotto lo “stop & a 10 e 20 giorni (in caso di contratto a termine di durata inferiore o superiore a 6 mesi). Inoltre il Ministero fornisce ulteriori indicazioni riguardo gli accordi collettivi stipulati dopo l’entrata in vigore del D.L. n.76/2013 (ovvero dopo il 28 giugno 2013). Le intese potranno prevedere una riduzione o un azzeramento dei periodi di 10 o 20 giorni, con effetti normativi obbligatori per tutti i soggetti rientranti nel campo di applicazione degli accordi.

  • Il nuovo decreto sul lavoro

(DL 28 giugno 2013 successivamente convertito con la legge 9 agosto 2013 n. 99)   

Si riporta un primo commento al testo curato dal dott. Emanuele Montemarano tratto dalla Rivista Agidae 4/2013  

  • La rappresentanza sindacale in azienda

(Sentenza Corte Costituzionale n. 231/2013)
Si riporta il testo e un commento alla sentenza tratta dalla Rivista Agidae 4/2013.

sommario

SALESIANI PER IL LAVORO - ONLUS

Una proposta Salesiana per dare dignità e futuro! Senza lavoro non si può vivere...

La Onlus Salesiani per il lavoro si rivolge a persone - giovani e adulti - che sono in età lavorativa e versano in condizione di disagio sociale, attraverso i servizi dell'informazione, dell'orientamento, della formazione e dell'aggiornamento prpfessionale. Punta a favorire il loro inserimento o reinserimento nel mondo del lavoro. Per maggiori informazioni sulle attività della onlus si può consultare il sito www.salesianiperillavoro.it

Nella presente newsletter si allegano, la lettera del Presidente della onlus; la brochure di presentazione; un segnalibro.

Aiutaci a dare di più a chi ha di meno!!

Management