Copertina Rassegna CNOS n.1 - Gennaio - Aprile 2017
RASSEGNA CNOS

Problemi esperienze prospettive per l’Istruzione e la Formazione Professionale

Anno 34 – n. 2 Maggio - Agosto 2018

 

 

 

EDITORIALE

Le elezioni politiche italiane del 2018 per il rinnovo dei due rami del Parlamento – il Senato della Repubblica e la Camera dei deputati – si sono tenute il 4 marzo 2018.
Dopo “ottantotto” lunghi giorni segnati da trattative e forti tensioni, il 1 giugno 2018, il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, sulla base di un “Contratto per il governo del cambiamento” firmato dal Movimento 5 Stelle e Lega, avvia il primo Governo della XVIII legislatura. Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca è Marco Busetti; Ministero dello Sviluppo Economico e del Lavoro e delle Politiche Sociali è Luigi Di Maio.
Rassegna CNOS si riserva di effettuare l’analisi del programma di Governo e quello più specifico dei Ministeri (MIUR e MLPS) nel prossimo Editoriale.
In questo ci si sofferma su alcune tematiche che rispecchiano, ciascuna da una propria angolatura, la particolare situazione dell’attuale momento; si vuole effettuare, cioè, una sorta di “fotografia” della situazione esistente dalla quale ripartire per delineare possibili iniziative da realizzare nel breve - medio periodo.
Una prima parte analizza i contenuti dei principali programmi presentati in occasione della campagna elettorale e letti in maniera trasversale. Pur consapevoli che il Contratto per il governo del cambiamento li supera, la loro analisi permette, tuttavia, di cogliere il grado di attenzione delle attuali forze politiche sul sistema educativo di Istruzione e Formazione nel suo complesso e su quello dell’Istruzione e Formazione Professionale in particolare.
Una seconda parte, invece, intende “fotografare” quanto la XVII legislatura ha realizzato in materia di Formazione Professionale e Politiche del Lavoro. Una “fotografia” ma anche una “analisi” che mette in evidenza i punti di forza da potenziare e quelli di criticità da superare per far sì che anche in Italia si affermi un’offerta formativa professionalizzante verticale, solida e strutturata, distinta da quella scolastica, individuata ormai da più parti tra gli strumenti più efficaci per contenere la dispersione scolastica e combattere la disoccupazione giovanile.

 

STUDI e RICERCHE

  • TACCONI G., La formazione Tecnica e Professionale dei Salesiani in Etiopia. Intervista con P Endalkachew Bayou del Bosco Children di Addis Abeba

Il presente articolo contiene un’intervista realizzata con Padre Endalkachew Bayou sul ruolo della formazione tecnica e professionale dei salesiani in Etiopia. Tale intervista esplora il sistema TVET (Technical and vocational education) in Etiopia, lo stato dell’arte attuale degli istituti TVET salesiani e le prospettive future.

  • PELLEREY M., Educare al pensiero computazionale: un'esigenza per i processi di Formazione Professionale oggi
Questo primo contributo sulla tematica del pensiero computazionale intende accostare il lettore, un po’ a volo di uccello, a una prima comprensione di quella dimensione del pensiero umano che a partire dagli apporti di Seymour Papert e di Jannette Wing è stata definita computazionale. Una sua attenta analisi metterà in luce come, soprattutto nell’ambito della
formazione professionale, sia necessario promuoverne lo sviluppo come elemento fondamentale di un’identità professionale adeguata alle trasformazioni tecnologiche e organizzative che stanno contraddistinguendo i nostri tempi.
In un prossimo contributo si approfondiranno alcuni aspetti fondamentali, qui solo accennati, da un punto di vista formativo.
  • MACALE C., Competenza e virtù: una prospettiva pedagogica per la IeFP 
Il presente contribuito intende riflettere su una cornice pedagogica personalista per l’IeFP secondo un modello educativo che coniughi la didattica per competenze con il concetto di virtù. La riscoperta del valore delle virtù da parte della Positive Psychology fa sì che sia auspicabile sul piano teorico-pratico una progettazione didattica che consideri la formazione professionale come un iter educativo atto alla promozione integrale della persona. 

PROGETTI e ESPERIENZE

  • NICOLI D., Academy Salesiana Filiera, alleanza e vocazionalità: i tre caratteri della nuova FP 

Il tradizionale Centro di Formazione Professionale negli ultimi anni ha ampliato la propria proposta di formazione e di servizi lungo tre direzioni: la filiera formativa completa che, partendo dalla qualifica, procede con il diploma Professionale, la formazione superiore, la formazione continua e permanente; i servizi per l’impiego; la partnership con le imprese che riguarda il sistema duale, la ricerca e selezione del personale, la formazione mirata, i laboratori innovativi ed i concorsi.
Questa configurazione giustifica il nome di Academy, un’alleanza ad ampio raggio tra organismi formativi e sistemi di imprese finalizzata ad una strategia di reclutamento dei “talenti” entro un contesto concorrenziale e caratterizzata da un’antropologia del lavoro di natura vocazionale.

  • MALIZIA G., L'evoluzione della Istruzione e Formazione Tecnico - Professionale nel Mondo. L'Unesco dal Modello dell'Educazione Permanente all'Agenzia "Education 2030"
Negli ultimi decenni del 900 le politiche di istruzione e di formazione a livello internazionale avevano raggiunto un punto di convergenza nel modello Unesco dell’educazione permanente. All’inizio del terzo millennio le gravi difficoltà che incontrano tutti i sistemi educativi stanno alimentando un dibattito che mira a un loro rinnovamento profondo. L’articolo affronta tali problematiche in relazione alle strategie dell’istruzione e della formazione tecnico-professionale. Più specificamente, si parte dal modello dell’apprendimento per tutta la vita per poi passare ad evidenziare le sfide che sono emerse nei primi anni del XXI secolo. Le prospettive di futuro sono ispirate all’Agenda “Education 2030” proposta dall’Unesco; tuttavia, al riguardo non ci si limita a presentare un elenco di proposte, ma si tenta di redigerne anche un bilancio, mettendo in evidenza non solo i punti forti, ma anche le criticità.
  • EMAD S., Processi motivazionali in adolescenza: l'importanza di scuola e famiglia sulla qualità della vita

L’adolescenza è un periodo particolare, poiché spinge i ragazzi ad adattarsi ai cambiamenti fisici e psicologici, ma anche sociali tipici di questa età. In questa particolare fase di sviluppo, ricoprono un ruolo fondamentali due agenti educativi: la famiglia e la scuola.
A tal riguardo, si è deciso di analizzare e descrivere in che modo ed in quale misura l’influenza dei genitori e degli insegnanti possa incidere sulla motivazione ad apprendere e sulle aspettative rispetto al futuro e alla qualità della vita degli adolescenti in questione. Da quanto emerso, appare chiaro ed opportuno che, in vista di una vita di qualità dal punto di vista emotivo e professionale, scuola e famiglia dovrebbero lavorare sinergicamente per il benessere degli adolescenti, avendo uno sguardo a lungo termine sul loro sviluppo.

OSSERVATORIO sulle POLITICHE FORMATIVE

  • MEJIA GOMEZ G. - TACCONI G., La valutazione per le IeFP. A colloquio con Anna Maria Ajello, presidente di INVALSI
L’articolo nasce dalla rielaborazione di un’intervista alla prof.ssa Anna Maria Ajello, presidente di INVALSI, che ha consentito di mettere a fuoco alcune questioni legate ai processi di valutazione che coinvolgono le istituzioni di Istruzione e Formazione Professionale.
  • SALERNO G.M., Le Regioni al voto di fronte alla IeFP: Molise e Friuli Venezia Giulia
In questi anni le Regioni cambieranno i governi regionali a seguito delle elezioni. Una domanda è legittima: quale modello scolastico (scuola paritaria) formativo (IeFP erogata dagli Enti di FP) i governi attuali lasciano ai successivi governi regionali? La Sede Nazionale CNOS-FAP ha elaborato una scheda informativa di base per ogni Regione. Si procede questo viaggio con due Regioni: Molise e Friuli Venezia Giulia. Le schede sono anticipate da un'introduzione a cura del Prof. Salerno.
 

CINEMA per pensare e far pensare

  • AGOSTI A., Colpa delle stelle
Il rilevante tema esistenziale al quale si possono interessare i giovani attraverso la visione del film che si propone all’attenzione del lettore, certamente con la dovuta delicatezza per via della loro età, è quello della finitudine umana,
ma più precisamente della morte, e ancor più specificamente quando essa si preannunci e si verifichi proprio nel periodo della giovinezza.

SCHEDARIO: Rapporti

  • GIRARDI D., La condizione giovanile in Italia: le evidenze del "Rapporto Giovani 2018"
Il presente articolo riprende i principali risultati del Rapporto Giovani 2018 dell’Istituto Giuseppe Toniolo. I dati riguardano sia la dimensione pubblica che quella privata dei giovani italiani, e restituiscono un quadro molto composito.
Da un lato, c’è la consapevolezza di essere poco rappresentati e di non essere valorizzati fino in fondo all’interno della società italiana, soprattutto nella fase di transizione alla vita adulta; c’è però anche la consapevolezza di voler agire per mutare le cose.
Sul piano valoriale, i riferimenti sono molto articolati: lo dimostrano approfondimenti come quello sull’hate speech on line, sulla fede e sui valori religiosi oppure quelli sulla percezione delle persone di origine straniera e sugli orientamenti nei confronti dell’infertilità di coppia e della genitorialità.
Più in generale, il lavoro dell’Istituto Toniolo rende chiara un’avvertenza: comprendere la complessità dei giovani italiani è necessario per capire fino in fondo le loro tante potenzialità, che il Paese dovrebbe riconoscere più di quanto fatto fino ad ora.
  • MALIZIA G., Sistema Informativo Excelsior. I fabbisogni occupazionali delle imprese italiane nell'industria e nei servizi per il 2017
L’articolo analizza sinteticamente il Rapporto 2017 della Caritas sulle Povertà Giovanili nel nostro Paese. La disamina della situazione è molto valida e i risultati evidenziano la gravità dei dati sia per la loro consistenza, sia anche per il trend preoccupante alla crescita. Il Rapporto fa anche vedere come le problematiche siano superabili elencando una serie di strategie efficaci; tra queste si poteva prestare maggiore attenzione alla IeFP. 
  • MALIZIA G., "Futuro Anteriore". Rapporto Caritas 2017 su Povertà Giovanili ed esclusione Sociale in Italia
L’articolo analizza sinteticamente il Rapporto 2017 della Caritas sulle Povertà Giovanili nel nostro Paese. La disamina della situazione è molto valida e i risultati evidenziano la gravità dei dati sia per la loro consistenza, sia anche per il trend preoccupante alla crescita. Il Rapporto fa anche vedere come le problematiche siano superabili elencando una serie di strategie efficaci; tra queste si poteva prestare maggiore attenzione alla IeFP.
  • MALIZIA G., "Il lavoro che Vogliamo: Libero, Creativo, Partecipativo, Solidale". La 48^ Settimana Sociale dei Cattolici Italiani. Cagliari 26-29 Ottobre 2017

L’articolo che segue presenta una sintesi dei risultati della 48° Settimana Sociale dei Cattolici Italiani che si è tenuta a Cagliari tra il 26 e il 29 ottobre del 2017. Il tema era il lavoro, quello che la Chiesa Italiana vorrebbe e cioè: libero, creativo, partecipativo e solidale. Per avvicinarsi a questa meta, gli orientamenti di Cagliari sono in grado di indicare un percorso valido, che si muove dai problemi alle proposte, basate sulle buone prassi. Va anche sottolineato il grande apprezzamento che il convegno ha riservato alla IeFP.

SCHEDARIO: Libri

BRUNI L.  La felicità è troppo poco. Note a margine del nostro capitalismo.
Ospedaletto-Pisa, Pacini Editore, 2017
 
LIPARI D. Dentro la formazione. Etnografia, pratiche, apprendimento.
Milano: Guerini Next. 2016

ALLEGATO alla Rivista

  • DALL’Ò P., Unità di apprendimento dei settori meccanico e autoriparazione

Questo nuovo “Itinerario di navigazione” per docenti e formatori presenta materiali e risorse contenute nel sito web della Federazione CNOS-FAP e relativi ai settori della formazione professionale della meccanica e dell’autoriparazione. Un particolare spazio viene dato ad alcune Unità di Apprendimento (UdA) elaborate nell’ambito dei settori professionali presi in considerazione.

BIBLIOTECA CNOS-FAP

La Sede Nazionale del CNOS-FAP ha pensato di creare un ambiente digitale dedicato alla biblioteca della Federazione, per dare la possibilità a tutti i suoi formatori ed alunni di poter consultare l’intero archivio sul proprio tablet. Sono state trasformate in formato e-book tutte le pubblicazioni della collana “Studi – Progetti – Esperienze” e tutti i numeri della Rivista Rassegna CNOS. La biblioteca è accessibile direttamente dal sito del CNOS-FAP dal pulsante che trovate nella colonna di sinistra “Biblioteca CNOS-FAP” oppure all’indirizzo: biblioteca.cnos-fap.it Sono disponibili le App dedicate alla biblioteca per i sistemi operativi iOS ed Android scaricabili direttamente dall’Apple store o da Google Play.
 

SALESIANI per il LAVORO - ONLUS

Una proposta Salesiana per dare dignità e futuro ai giovani bisognosi!

La Onlus Salesiani per il lavoro si rivolge a persone - giovani e adulti - che sono in età lavorativa e versano in condizione di disagio sociale, attraverso i servizi dell'informazione, dell'orientamento, della formazione e dell'aggiornamento prpfessionale. Punta a favorire il loro inserimento o reinserimento nel mondo del lavoro. Per maggiori informazioni sulle attività della onlus si può consultare il sito www.salesianiperillavoro.it

Nella presente newsletter si allegano la brochure di presentazione ed un segnalibro.

Aiutaci a dare di più a chi ha di meno!!

 

Management