Copertina Rassegna CNOS n.1 - Gennaio - Aprile 2017
RASSEGNA CNOS

Problemi esperienze prospettive per l’Istruzione e la Formazione Professionale

Anno 33 – n. 3 Settembre - Dicembre 2017

EDITORIALE

Giovani, istruzione, formazione, lavoro, famiglia ... sono alcune delle parole più usate in questo scorcio di anno dalle Istituzioni per parlare del futuro dei giovani e, più in generale, dell'Italia.
Rassegna CNOS, sempre attenta al mondo formativo e giovanile, nell'Editoriale approfondirà alcune di queste parole: giovani, lavoro e formazione.
Verrà proposto al lettore, innanzitutto, una analisi sufficientemente approfondita della situazione dei giovani oggi, riflettendo sui dati recenti offerti dagli Osservatori ISTAT e Rapporto Giovani 2017 (Istituto Giuseppe Toniolo) che si caratterizzano, soprattutto quelli dell'Istituto Toniolo, per una impostazione nuova: "prima di preoccuparci per i giovani dovremmo cercare di capire meglio le nuove generazioni". Di qui lo sforzo degli estensori del Rapporto di comprendere, attraverso i giovani, il mondo che cambia e come l'Italia vive e affronta le sfide che il cambiamento pone.
Delle tematiche attinenti il mondo scolastico e formativo l'Editoriale ne affronterà una, oggi emergente: le politiche attive del lavoro. Appare urgente, infatti, riflettere su questo particolare aspetto per chiedersi se diventerà, progressivamente, uno strumento valido per declinare in maniera più efficace Formazione Professionale e transizione al lavoro.
L'Editoriale richiamerà l'attenzione, infine, su quanto Istituzioni e soggetti della società civile vanno affermando in questo periodo, circa il ruolo della Formazione Professionale in rapporto all'emergenza lavoro e al futuro del Paese.
 

STUDI e RICERCHE

  • MEJIA GÓMEZ G. - PERINI M., La Formazione Professionale dei Salesiani in Germania. Intervista a Padre Stefan Stöhr di Monaco
L’articolo riporta la rielaborazione di un'intevista fatta a P. Stefan Stöhr, economo dell'Ispettoria salesiana di Monaco di Baviera che ci offre una panoramica sul lavoro delle opere salesiane che in Germania sono impegnate nell'ambito della Formazione Professionale.
  • ALLULLI G., L'apprendistato in Europa
Fino a pochi anni fa l'apprendistato veniva considerato uno strumento in declino, in via di superamento, da consegnare all'eredità del passato. Oggi lo sviluppo dell'apprendistato è tornato prepotentemente al centro dell'attenzione, diventando uno dei princiapli obiettivi delle politiche europee e nazionali in materia di formazione. L'apprendistato infatti facilita la transizione dalla scuola alla formazione al lavoro ed i dati dimostrano che i Paesi che possiedono un ben sviluppato sistema di Istruzione e Formazione Professionale e di apprendistato hanno livelli più bassi di disoccupazione. Per queste ragioni l'Unione Europea ha avviato nel luglio 2013 l'European Alliance for Apprenticeships (EAfA), un Programma che ha coinvolto Parti sociali europee, Commissione europea e Stati membri allo scopo di rafforzare la qualità, l'offerta e l'immagine degli apprenditati in Europa. All'interno di questo contesto l'articolo presenta: i principali dati riguardanti l'andamento dell'apprendistato in Europa; i principi guida per la qualità dell'apprendistato elaborati dalle Parti sociali e dalla Commissione europea; l'impegno assunto dalle Parti sociali, dalla Commissione europea e dagli Stati membri per lo sviluppo di questo strumento; la proposta di Raccomandazione sull'apprendistato in fase di elaborazione da parte della Commissione europea. 
  • FICI A., L'Ente del Terzo Settore come modello organizzativo per lo svolgimento di attività formativa dinteresse generale. 
La recente Legge di riforma del Terzo Settore fornisce un elenco di attività di interesse generale, nel quale sono incluse la Formazione Professionale ed altre attività formative. È possibile dunque avvalersi del modello organizzativo dell’Ente del Terzo Settore per lo svolgimento di attività formativa. Questa scelta, tuttavia, richiede una preliminare conoscenza delle norme, anche fiscali, che disciplinano la struttura e il funzionamento dell’Ente del Terzo Settore. Il presente articolo offre una introduzione generale alla riforma del Terzo Settore. Dopo aver presentato le fonti della nuova disciplina, descrive le caratteristiche fondamentali dell’Ente del Terzo Settore e ne confronta le varie tipologie particolari. Si sofferma quindi sulla governance dell’Ente del Terzo Settore al fine di sottolineare in che modo i suoi elementi più caratteristici si riflettano sull’attività di interesse generale e sulle sue modalità di svolgimento. 
  • MALIZIA G., Autonomia, parità e libertà di scelta educativa. Un documento unitario del Consiglio Nazionale della Scuola Catttolica della CEI
In un recente documento dal titolo “Autonomia, parità e libertà di scelta educativa” il Consiglio Nazionale della Scuola Cattolica, organismo della CEI, ha denunciato all’opinione pubblica e al mondo politico che il sistema di istruzione e di formazione del nostro Paese è ancora gravemente incompiuto. Le ragioni principali di questo richiamo possono essere identificate in una libertà di educazione che riceve un riconoscimento sostanzialmente giuridico, nella limitata autonomia attribuita alle singole scuole e negli impedimenti posti al buon funzionamento della IeFP in gran parte dell’Italia; inoltre, tali andamenti risultano totalmente opposti alle tendenze condivise a livello internazionale. Il documento non si ferma alla denuncia, ma propone una serie di interventi che potrebbero facilmente e in tempi relativamente rapidi far recuperare all’istruzione e alla formazione il terreno perduto rispetto all’Europa. L’articolo che segue presenta il documento nei suoi vari aspetti, evidenziando opportunità e sfide con l’intento di sostenere l’impegno della scuola cattolica in vista della crescita del nostro sistema educativo sulla base dei pilastri della sussidiarietà, dell’autonomia, della libertà di educazione e del pluralismo dell’offerta di istruzione e di formazione in particolare professionale. 
 

PROGETTI e ESPERIENZE

  • FRANCHINI R., Innovare la scuola, trasformare il curricolo: esperienze a confronto 

Da qualche anno nel mondo scolastico, in ogni ordine e grado, si avverte con intensità l’istanza dell’innovazione educativa. La scuola così come è conosciuta sembra essere entrata in crisi, mentre si moltiplicano in tutto il pianete le esperienze di cambiamento, nel segno delle nuove tecnologie ma molto oltre, e prima di esse. L’esplosione dei nuovi media sembra rappresentare semplicemente l’ultimo fattore, forse il più decisivo e dirompente, che richiede un profondo ripensamento dell’istituzione scolastica e formativa, un cambiamento paradigmatico. Questo tipo di situazione, straordinaria nella sua fecondità trasformativa, non è certo esente da rischi. Quando in gioco non è semplicemente l’uno o l’altro metodo didattico, ma la scuola nel suo complesso, il pericolo è nel vecchio adagio: chi lascia la vecchia via per la nuova, sa quello che lascia ma non sa quello che trova! Per accompagnare e sostenere un cambiamento responsabile e sostenibile occorre dunque un supplemento di riflessione, volto a rintracciare sicure linee guida pedagogiche e didattiche. Il presente articolo, seguenti l’approccio induttivo, tipico dell’educazione comparata, mette a confronto alcune esperienze di innovazione, alla ricerca di comuni elementi distintivi.

  • PELLEREY M., L'esperienza diretta, personale e realistica del mondo del lavoro come forndamentale componente dello sviluppo di una propria identità professionale
Lo sviluppo di attività di Formazione Professionale dirette al conseguimento di una qualifica realizzate attraverso le forme previste dal sistema duale in sperimentazione dovrebbe favorire la costruzione di un propria identità professionale in maniera progressiva e realistica. Alcune sperimentazioni hanno adottato un percorso progressivo che prevede nei primi anni la presenza di esperienze di simulazione d’impresa in collegamento con un’impresa madrina; nei secondi anni forme di alternanza, anche rafforzata; nei terzi anni vere e proprie forme di apprendistato. Il presente contributo intende approfondire alcune caratteristiche che un tale percorso formativo dovrebbe assumere al fine di favorire lo sviluppo di una propria identità professionale, che sia integrata e coerente con una propria identità personale e morale.
  • TACCONI G., Don Lorenzo Milani e le scuole di Barbiana oggi
A cinquant’anni dall’uscita di Lettera a una professoressa e dalla morte di don Lorenzo Milani, il contributo propone una riflessione su ciò che don Lorenzo Milani ha da dire per l’oggi, in particolare ai contesti dell’Istruzione e Formazione Professionale, soprattutto a partire da una rilettura dell’opera che racchiude i motivi centrali dell’esperienza educativa del priore di Barbiana.
 

OSSERVATORIO sulle POLITICHE FORMATIVE

  • MEJIA GOMEZ G. - TACCONI G., La voce di testimoni privilegiati. Il punto di vista di Confindustria su Formazione Professionale e rapporto scuola-lavoro. A colloquio con Ermanno Rondi
Il presente contributo restituisce i temi emersi da una conversazione con l’Ing. Ermanno Rondi, responsabile del Gruppo Tecnico di Confindustria su Formazione Professionale e alternanza scuola-lavoro. Ne emerge una ricca disanima sui rapporti tra sistema produttivo e sistema formativo, una valutazione dei recenti provvedimenti legislativi che hanno interessato il settore e una riflessione sui nodi e le sfide attuali.
  • GOTTI E., L'esperienza della "nostra via duale" nei Centri di Formazione Professionale CONFAP e FORMA
L’anno formativo 2016/2017 ha visto l’attivazione dei primi corsi di IeFP nell’ambito della sperimentazione nazionale del sistema duale. Il presente contributo illustra i primi risultati dell’esperienza da parte dei centri di formazione aderenti a CONFAP e FORMA, che hanno attivato anche azioni di sistema a livello nazionale a supporto della sperimentazione.  Emerge una forte capacità di apertura da parte dei centri verso il tessuto imprenditoriale, con una risposta significativamente positiva da parte delle imprese ad intervenire direttamente nella formazione dei giovani. Le maggiori e prevedibili difficoltà sono dovute in massima parte alla scarsissima conoscenza dello strumento contrattuale dell’apprendistato formativo. Anche in questo caso, i CFP evidenziano la capacità di farsi carico anche degli aspetti giuslavoristici. I buoni risultati del primo anno di avvio dei percorsi sperimentali, da un lato incoraggiano a proseguire con le attività, dall’altro interrogano i CFP in ordine a come rafforzare il rapporto con il tessuto imprenditoriale, anche in rapporto allo sviluppo delle politiche attive del lavoro.
 

CINEMA per pensare e far pensare

  • AGOSTI A., Lion - La strada verso casa

Il film che si propone all’attenzione del lettore è Lion – La strada verso casa, il cui soggetto è tratto dal romanzo autobiografico di Saroo Brierley. Si tratta di un’opera direttamente riferibile ad un tristissimo fenomeno che si verifica in India, ma non solo in quella realtà, quello dei bambini e delle bambine che scompaiono.
 

SCHEDARIO: Rapporti

  • MION R., Ricerca dell'autonomia, relazioni familiari e sviluppo della personalità nel "Rapporto Giovani 2017"
Il “Rapporto Giovani 2017” dell’Istituto Toniolo, pur spaziando globalmente nell’ampio quadro delle sue ordinarie prospettive generali, come si può constatare nella sua prima parte (“Percorsi”), nella seconda parte (“Approfondimenti”) ogni anno si sofferma in modo particolare su temi specifici di cogente attualità. Quest’anno, uno dei principali argomenti, che ne percorre come un filo rosso tutti i vari capitoli, è relativo alla “famiglia” nella variegata complessità dei fattori intervenienti, in particolare, nei processi di autonomia e distacco degli adolescenti e dei giovani, nelle loro intenzioni e progetti di formazione di una nuova famiglia, nella qualità delle relazioni familiari, dello sviluppo morale e dei non rari comportamenti a rischio. 
Su questi temi si articolerà anche il nostro contributo, per offrirne una visione sintetica, ma crediamo sufficientemente esaustiva di tali argomenti, davanti ai quali oggi educatori, docenti e genitori si sentono impegnati in una sfida che si fa sempre più problematica ed esigente.
  • MALIZIA G., Schede sui principali Rapporti: Svimez 2017, Fondazione per la Sussidiarietà, Non profit
Al Sud si Rafforza lo Sviluppo, ma Rimane il Divario con il Centro-Nord. Il Rapporto Svimez 2017 sull’Economia del Mezzogiorno. Nel 2016 il Mezzogiorno ha registrato un secondo anno favorevole a livello economico . Il consolidamento della crescita può essere attribuito a vari fattori: l’aumento dei consumi e degli investimenti privati, il recupero da parte dell’industria manifatturiera e l’andamento positivo del turismo. Nonostante ciò, con il trend attuale il Sud potrà raggiungere i livelli pre-crisi solo dieci anni dopo del Centro-Nord. 
Far Crescere la Persona. La scuola di fronte al mondo che cambia. Fondazione per la Sussidiarietà: Per evitare ai lettori una ricerca in precedenti numeri, richiamo qui quanto precisato nella presentazione di un precedente volume che, cioè, la Fondazione per la Sussidiarietà è una organizzazione che realizza attività di ricerca, formazione e divulgazione intorno ai temi sociali, economici e politici con lo scopo di diffondere una visione della società basata sulla centralità della persona e sul principio di sussidiarietà. Il libro che viene qui presentato è parte di una serie di pubblicazioni che affrontano i temi caldi della vita sociale ed economica secondo un’idea di cultura e di società per l’uomo.
Non Profit, Qui il Lavoro Cresce (in Vita): Nel decennio della crisi economica il lavoro soprattutto giovanile è diventato una questione nazionale. Un comparto della nostra economia, che fa eccezione all’andamento negativo ricordato anche nell’Editoriale di questo numero di Rassegna CNOS, è rappresentato dal Terzo Settore e nel prosieguo si cercherà di descrivere tale situazione favorevole, evidenziando le ragioni che la giustificano e le potenzialità in essa insite per tutto il sistema.
 

SCHEDARIO: Libri

CARLINI A. (a cura di),  L'Istruzione e la Formazione Professionale (IeFP) nell'esperienza degli imprenditori. Studi di caso, INAPP, Roma, 2017.

PELLEREY M. (a cura di),  Soft skill e orientamento professionale, Roma, Ministero del Lavoro e delle POlitiche Sociali/CNOS-FAP, 2017.
 

ALLEGATO alla Rivista

Questo nuovo “Itinerario di navigazione” intende facilitare la fruizione di molti studi e materiali contenuti nel sito della Federazione CNOS-FAP che prendono in considerazione il tema dell'"inclusione" sociale e scolastica. Si analizzeranno in particolare alcuni contributi relativi ai giovani di origine straniera, ai giovani con problematiche di dipendenza, ai drop out scolastici e ai giovani con differenti disabilità e bisogni educativi.
 

BIBLIOTECA CNOS-FAP

La Sede Nazionale del CNOS-FAP ha pensato di creare un ambiente digitale dedicato alla biblioteca della Federazione, per dare la possibilità a tutti i suoi formatori ed alunni di poter consultare l’intero archivio sul proprio tablet. Sono state trasformate in formato e-book tutte le pubblicazioni della collana “Studi – Progetti – Esperienze” e tutti i numeri della Rivista Rassegna CNOS. La biblioteca è accessibile direttamente dal sito del CNOS-FAP dal pulsante che trovate nella colonna di sinistra “Biblioteca CNOS-FAP” oppure all’indirizzo: biblioteca.cnos-fap.it Sono disponibili le App dedicate alla biblioteca per i sistemi operativi iOS ed Android scaricabili direttamente dall’Apple store o da Google Play.
 

SALESIANI per il LAVORO - ONLUS

Una proposta Salesiana per dare dignità e futuro ai giovani bisognosi!

La Onlus Salesiani per il lavoro si rivolge a persone - giovani e adulti - che sono in età lavorativa e versano in condizione di disagio sociale, attraverso i servizi dell'informazione, dell'orientamento, della formazione e dell'aggiornamento prpfessionale. Punta a favorire il loro inserimento o reinserimento nel mondo del lavoro. Per maggiori informazioni sulle attività della onlus si può consultare il sito www.salesianiperillavoro.it

Nella presente newsletter si allegano la brochure di presentazione ed un segnalibro.

Aiutaci a dare di più a chi ha di meno!!

 

 

Management