Copertina Rassegna CNOS n.1 - Gennaio - Aprile 2017
RASSEGNA CNOS

Problemi esperienze prospettive per l’Istruzione e la Formazione Professionale

Anno 33 – n. 1 Gennaio - Aprile 2017

EDITORIALE

L’esito negativo del referendum popolare sulla riforma costituzionale (4 dicembre 2016) approvata dal Parlamento nel corso di questa legislatura mantiene inalterato l’attuale assetto costituzionale anche in ordine all’Istruzione e Formazione Professionale (IeFP), e dunque è necessario continuare ad operare affinché, nell’immutato quadro costituzionale, le questioni cruciali della IeFP possano essere concretamente affrontate. 
Ciò comporta che Regioni e Stato cooperino fattivamente, dato che senza uno sforzo congiunto non si potrà pervenire a risultati coerenti con un’adeguata offerta educativa a carattere professionale sull’intero territorio nazionale. 
Il principio generalissimo della non arbitraria differenziazione nel trattamento ordinamentale dei due ambiti - quello scolastico e quello della IeFP – compresenti nel sistema educativo nazionale, ai fini della pari garanzia dei diritti costituzionalmente riconosciuti in egual misura ai rispettivi studenti ed allievi, andrebbe tenuto in considerazione dal futuro legislatore, soprattutto per colmare le evidenti lacune e contraddizioni presenti nella legislazione vigente che tende spesso a privilegiare, nei provvedimenti che adotta, la sola scuola statale. Se si attuasse, si rimuoverebbe un’inammissibile discriminazione costituzionale che incide sulla pari garanzia del diritto allo studio in entrambi i settori nei quali può essere esercitato il diritto-dovere all’istruzione e alla formazione. 
Il presente Editoriale affronta vari aspetti di questa complessa materia. 

STUDI e RICERCHE

  • Intervista a don Bart decancq s.d.b., Direttore del Don Bosco Onderwijscentrum (Don Bosco Centro per le Scuole - Belgio)
L’articolo riporta un’intervista rivolta a don Bart Decancq, Direttore delle scuole salesiane nelle Fiandre (Belgio Nord), al quale è stato chiesto di fornire una panoramica del sistema scolastico e professionale del suo Paese.
  • ALLULLI G., New Skills Agenda for Europe: il programma europeo per promuovere la buona occupazione
Il contributo intende fornire una panoramica del piano d’azione New Skills Agenda for Europe lanciato nel 2016 nell’ambito del Quadro strategico “Europa 2020”.
  • PELLEREY M., Lo sviluppo di un'etica professionale coerente con il contesto lavorativo odierno
Nei processi di Formazione Professionale, come nel contesto delle attività lavorative, sembra delinearsi una rinnovata richiesta di attenzione per la dimensione etica della professionalità. Sia nell’ambito del lavoro autonomo, sia in quello del lavoro dipendente, emergono nuove esigenze di autonomia decisionale e di conseguente assunzione di responsabilità. Alcune indagini di tipo econometrico hanno indicato poi nella coscienziosità una qualità essenziale per accedere e restare nel mondo del lavoro. Il contributo intende esplorare perché e come la dimensione etica debba costituire un esplicito impegno da parte delle istituzioni formative. D’altra parte, una valida metodologia formativa in questo ambito è coerente con lo sviluppo di buoni abiti di lavoro e di studio, ed è basata su forme di apprendistato morale e sulla presenza di un valida comunità di pratica.
  • SALATIN A., L'evoluzione dell'istruzione degli adulti in Italia e i possibili collegamenti col sistema della IeFP
La recente riforma ordinamentale dell’istruzione degli adulti (IDA) e il concomitante avvio della L.107/2015 costituiscono una significativa opportunità per il sistema formativo italiano nella prospettiva di costruire un modello veramente integrato in grado di prendere in carico la grande diversità degli utenti e dei bisogni formativi attraverso una efficace diversificazione dei servizi in chiave pluralistica. In tale contesto, la IeFP viene ulteriormente sollecitata a sviluppare il proprio potenziale educativo data la crescente necessità di connessione tra acquisizione delle competenze di base di cittadinanza e delle competenze per l’occupabilità. Ciò richiede in particolare ai CFP una attenzione diversa al riassetto dell’IDA, soprattutto a livello territoriale, e una nuova disponibilità di cooperazione tra soggetti pubblici e privati.

PROGETTI e ESPERIENZE

  • MALIZIA G. - GENTILE F., Il Successo Formativo degli allievi del CNOS-FAP Qualificati e Diplomati nel 2014-15

Il saggio che segue presenta una sintesi degli esiti della settima edizione del monitoraggio che annualmente da qualche tempo la Sede Nazionale della Federazione del CNOS-FAP compie al fine di identificare la condizione degli allievi dei suoi percorsi di IeFP, qualificati o diplomati (in questo caso nell’anno formativo 2014-15), relativamente a 7 macro-settori (elettrico-elettronico, meccanica industriale, automotive, energia, grafico, turistico alberghiero ed altri) a un anno dall’ottenimento del titolo. Il sondaggio conferma il sorpasso, avvenuto negli ultimi cinque anni, della scelta di proseguire gli studi, in confronto a quella di inserirsi subito nel mondo del lavoro, che indubbiamente evidenzia la capacità della IeFP di rimotivare alla formazione giovani che per il peso degli insuccessi scolastici precedenti si trovano a rischio di abbandonare il sistema educativo di istruzione e di formazione. In aggiunta dal monitoraggio escono consolidati gli esiti favorevoli a livello sia occupazionale che formativo conseguiti nel passato, come: l’impatto significativo della IeFP sull’inserimento lavorativo dei giovani nella fascia 15-25, quella cioè che si caratterizza per incontrare le difficoltà più gravi nella transizione occupazionale; la porzione modesta dei veramente inattivi; il contributo positivo dei percorsi di IeFP alla formazione dei qualificati e dei diplomati; la brevità dei tempi di attesa per trovare un’occupazione; un giudizio generale molto favorevole da parte degli ex-allievi circa la propria esperienza formativa nella FP del CNOS-FAP. 

  • VETTORATO G., La disoccupazione tra i giovani a livello mondiale non accenna a diminuire
Nell'articolo l’autore analizza la situazione della disoccupazione giovanile a livello mondiale avvalendosi di documenti come il rapporto “Prospettive occupazionali e sociali nel mondo 2016: tendenze sull’occupazione giovanile”.
  • TACCONI G., Il lavoro dell'etnografo. Spunti di metodo a partire dall'analisi di un testo letterario
L’articolo, a partire dall’idea che la letteratura rappresenti un fondamentale strumento ottico, che consente di vedere meglio e più a fondo le cose, propone una lettura tematica del libro “Euforia”, della scrittrice americana Lily King, che mette efficacemente a fuoco il lavoro del ricercatore etnografico.

OSSERVATORIO sulle POLITICHE FORMATIVE

  • MEJIA GOMEZ G., La voce di testimoni privilegiati. Formazione e lavoro. Il punto di vista dello SNALS
Con questo contributo si conclude la rassegna dedicata all’ascolto delle organizzazioni sindacali firmatarie del contratto nazionale della formazione professionale sui temi legati ai percorsi di Istruzione e Formazione Professionale e, più in generale, alle questioni connesse al rapporto tra scuola e lavoro.
  • SALERNO G.M., Per un'ipotesi condivisa di Unità di Costi Standard (UCS) per la IeFP

L'articolo esamina il metodo dei costi standard nel finanziamento dei servizi pubblici e le diverse modalità di calcolo dei costi standard nella IeFP.

CINEMA per pensare e far pensare

  • AGOSTI A., Stella

Sono molteplici i pregi di Stella, che può costituirsi per i preadolescenti che lo vedesero - e lo ascoltassero - come un luogo di rispecchiamento dove trovare i sentimenti ricorrenti dell'età di passaggio per eccellenza: le rabbie, i disagi, le solitudini, gli smarrimenti, le profonde tristezze e i primi sogni d'amore. La regista tratta questi temi con raffinata sobrietà e apprezzabile eleganza, senza alcun compiacimento o esagerata sottolineatura. 

SCHEDARIO: Rapporti

  • MION R., CENSIS50 anni: "L'Italia che non investe sul futuro"

Il contributo riporta alcune considerazioni sull'attuale situazione sociale in Italia analizzata nel dettaglio nell'omonimo Rapporto CENSIS del 2016..

  • MALIZIA G., Schede sui principali Rapporti: CENSIS, Centro Studi per la Scuola Cattolica

Rapporto CENSIS 2016: Sistema Educativo di Istruzione e di Formazione e transizione al lavoro. Stando all’ultimo Rapporto CENSIS, “50° Rappor-to sulla situazione sociale del Paese 2016” la condizione dell’Italia non è cambiata riguardo all’anno precedente, si tratta ancora di una società chiusa e senza progetti per il futuro, in cui i giovani sono sempre più emarginati e periferici. L’obiettivo del seguente articolo è quello di analizzare la sezione del Rapporto relativa all’Istruzione/Formazione e all’Occupazione.
A scuola nessuno è straniero. Il XVIII Rapporto 2016 sulla Scuola Cattolica in Italia. Il tema dell’interculturalità è divenuto fortemente attuale a seguito del sensibile aumento degli stu-denti stranieri nelle nostre scuole ed è oggetto del XVIII Rapporto del Centro Studi per la Scuola Cattolica. La presentazione del Rapporto sarà di-stribuita in due sezioni: la prima verrà dedicata alla tematica che è affrontata nel volume nelle sue molteplici dimensioni; la seconda fornirà un’analisi puntuale dei dati statistici sulle scuole cattoliche italiane relativamente all’anno 2015-16, utilizzando le informazioni fornite dal MIUR.

SCHEDARIO: Libri

DAMIANO E., La mediazione didattica. Per una teoria dell'insegnamento. Milano, FrancoAngeli, 2013.

BECCIU M. - COLASANTI A.R., Linee guida per realizzare la leadership educativa, carismatica e salesiana. Roma, Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali/CNOS-FAP, 2015.

CNOS-FAP (a cura di), Concorso Nazionale dei Capolavori dei settori professionali, Edizione 2016. Roma, Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali/CNOS-FAP, 2016.

CNOS-FAP, Azioni di accompagnamento, sviluppo e rafforzamento del sistema duale nell'ambito dell'Istruzione e Formazione Professionale. Sciluppo di Modelli Organizzativi. Roma, Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali/CNOS-FAP, 2016.

MALIZIA G. - TONINI M., Organizzazione della scuola e del CFP. Una introduzione. Roma, Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali/CNOS-FAP, 2015.

TACCONI G., Tra scuola e lavoro. Una prospettiva didattica sul secondo ciclo del sistema educativo di istruzione e formazione. Roma, LAS, 2014.

NICOLI D., Come i giovani del lavoro apprezzano la cultura. Formare e valutare saperi e competenze degli assi culturali nella Formazione Professionale. Roma, Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali/CNOS-FAP, 2015.

PELLEREY M., La valorizzazione delle tecnologie mobili nella pratica gestionale e didattica dell'Istruzione e Formazione Professionale a livello di secondo ciclo. Indagine teorico empirica. Rapporto finale. Roma, Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali/CNOS-FAP, 2015.

MAGONE A.  - MAZALI T. (a cura di), Industria 4.0. Uomini e macchine nella fabbrica digitale. Milano, Guerini e associati, 2016.

MARTINELLI P. - MELONE M., "La grazia di lavorare". Lavoro, vita consacrata, francescanesimo. Bologna, EDB, 2015.

ALLEGATO alla Rivista

L’articolo, in continuità con quanto proposto negli Allegati agli ultimi sei numeri della rivista “Rassegna CNOS”, propone una panoramica della sezione del sito web della Federazione CNOS-FAP (www.cnos-fap.it) denominata “Il CFP si rinnova”. Dopo aver presentato la struttura e gli obiettivi di tale sezione, vengono analizzati alcuni dei numerosi contributi presenti in essa e se ne evidenziano soprattutto le implicazioni didattiche.

BIBLIOTECA CNOS-FAP

La Sede Nazionale del CNOS-FAP ha pensato di creare un ambiente digitale dedicato alla biblioteca della Federazione, per dare la possibilità a tutti i suoi formatori ed alunni di poter consultare l’intero archivio sul proprio tablet. Sono state trasformate in formato e-book tutte le pubblicazioni della collana “Studi – Progetti – Esperienze” e tutti i numeri della Rivista Rassegna CNOS. La biblioteca è accessibile direttamente dal sito del CNOS-FAP dal pulsante che trovate nella colonna di sinistra “Biblioteca CNOS-FAP” oppure all’indirizzo: biblioteca.cnos-fap.it Sono disponibili le App dedicate alla biblioteca per i sistemi operativi iOS ed Android scaricabili direttamente dall’Apple store o da Google Play.

SALESIANI per il LAVORO - ONLUS

Una proposta Salesiana per dare dignità e futuro ai giovani bisognosi!

La Onlus Salesiani per il lavoro si rivolge a persone - giovani e adulti - che sono in età lavorativa e versano in condizione di disagio sociale, attraverso i servizi dell'informazione, dell'orientamento, della formazione e dell'aggiornamento prpfessionale. Punta a favorire il loro inserimento o reinserimento nel mondo del lavoro. Per maggiori informazioni sulle attività della onlus si può consultare il sito www.salesianiperillavoro.it

Nella presente newsletter si allegano la brochure di presentazione ed un segnalibro.

Aiutaci a dare di più a chi ha di meno!!

 

 

Management