Focus
su
Istruzione e Formazione Italia e in Europa

Testi nel sito: www.cnos-scuola.it
 

Riforme recenti sull’ordinamento scolastico e formativo in Italia

1. CNOS-FAP (a cura di), Interventi normativi che hanno inciso sul sistema scolastico italiano
La scheda richiama alcuni provvedimenti approvati dopo l’emanazione della Costituzione repubblicana che hanno modificato in profondità, a giudizio di molti esperti, il sistema scolastico italiano, i cui effetti sono presenti ancora oggi. 
Nella scheda si riportano, in forma sintetica, i provvedimenti più “rilevanti” approvati tra la fine del secolo scorso e l’inizio di quello corrente. Della presente legislatura si richiamano i primi provvedimenti approvati nel 2019. 
 
2. CNOS-FAP (a cura di): Interventi normativi che hanno inciso sul sistema formativo in Italia
La scheda riassume la “radicale trasformazione” della valenza dei percorsi formativi offerti dalla Formazione professionale avvenuta nel ventennio appena trascorso. 
In maniera molto sintetica, il lettore sarà guidato a ripercorrere tre fasi: la fase dell’inserimento della FP nel sistema educativo di istruzione e formazione dopo la sua lunga collocazione extra-scolastica; la fase della delineazione di una filiera professionalizzante; la fase dell’inserimento nell’offerta formativa del c.d. “duale italiano” con alternanza prolungata ed apprendistato.

• La sussidiarietà orizzontale nelle politiche scolastiche e formative delle Regioni
La scheda illustra le principali misure adottate dalle Regioni nei confronti della scuola paritaria e nei confronti delle istituzioni formative accreditate. Ciò permette al lettore di verificare quanto il principio della sussidiarietà orizzontale trovi attuazione nei vari territori, oltre che a livello centrale.
[pagina in costruzione]

• La libertà di scelta educativa in Europa

Contrariamente a quanto è stato denunciato in Italia – Dario Antiseri afferma che “In Italia la scuola libera è libera solo di morire” - la libertà di scelta educativa trova ampio riscontro in Europa: Austria, Belgio, Danimarca, Paesi Bassi, Finlandia, Germania, Francia, Svezia, Irlanda, Svezia, ecc. 
Si riportano, per approfondire questa importante problematica, alcuni studi, ordinati cronologicamente: 
a. Zani A.V., La parità scolastica in Europa, in CSSC, A dieci anni dalla legge sulla parità, ed. La Scuola, 2010; 
b. Lessi V., Cosa succede in Europa, in Lessi V., Libertà d’educazione. Un diritto negato, un bene per tutti, 2012; 
c. Treellle, Scuole pubbliche o solo statali? Per il pluralismo dell’fofferta. Francia, Olanda, Inghilterra, Usa e il caso Italia 2014; 
d. Malizia G., La libertà di educazione nel mondo. Il Rapporto OIDEL e Novae Terrae, in Rassegna CNOS 3/2016;
e. Zagardo G., Modelli scolastici e finanziamenti alle scuole non governative in Europa, in CSSC, Il valere della parità. 19° Rapporto, ELS La Scuola 2017 (pp. 73 – 92); 
f. Antiseri/Alfieri, Lettera ai politici sulla libertà di scuola, Rubbettino 2018.